Sesso e Menopausa: Cosa accade?

Sesso e menopausa

Come può la menopausa influenzare la libido? La perdita di estrogeni e testosterone dopo la menopausa può portare a diversi cambiamenti per ciò che concerne il desiderio sessuale di una donna. E’ interessante notare come le donne in menopausa ed in post-menopausa siano difficilmente eccitabili: ad esempio, una donna “matura” può rivelarsi poco sensibile alle carezze di un uomo, e ciò può portare ad un interesse sempre più ridotto per la vita sessuale.

Inoltre, bassi livelli di estrogeni possono determinare un calo dell’afflusso di sangue alla vagina . Questa diminuzione del flusso sanguigno può influenzare la lubrificazione vaginale : accade talvolta che la vagina non sia abbastanza bagnata per una sereno rapporto sessuale .

Un livello di estrogeni troppo basso non è l’unico responsabile del calo della libido, bensì ci sono altri innumerevoli fattori che possono condizionare l’interesse di una donna per l’ attività sessuale durante la menopausa e dopo. Questi comprendono:

1. Problemi di incontinenza urinaria
2. Disturbi del sonno
3. Depressione o ansia
4. Stress
5. Farmaci
6. Preoccupazioni per la propria salute

Ma quindi, la menopausa porta necessariamente ad un calo della libido in tutte le donne?

La risposta è no. Infatti, alcune donne in post-menopausa avvertono addirittura un aumento del desiderio sessuale . Questo può essere dovuto ad una diminuzione dell’ ansia correlabile al timore di una gravidanza . Inoltre , molte donne in post-menopausa hanno spesso meno responsabilità in qualità di genitori (figli adulti, o comunque autonomi), e ciò permette loro di rilassarsi e godersi l’intimità con il loro partner .

Cosa si può fare per trattare la secchezza vaginale durante la menopausa? Durante e dopo la menopausa , si può affrontare il problema della secchezza vaginale utilizzando lubrificanti idrosolubili come Astroglide o KY Jelly . L’ importante è non utilizzare lubrificanti non idrosolubili come vaselina, perché possono indebolire il lattice (il materiale di cui sono costituiti i preservativi , che dovrebbe continuare ad essere utilizzato fino a quando il medico verifica la mancanza di ovulazione e per prevenire la contrazione malattie sessualmente trasmissibili) .

Lubrificanti non idrosolubili possono anche rappresentare un sito di crescita batterica, in particolar modo in una persona il cui sistema immunitario è indebolito dalla chemioterapia. Lozioni idratanti per la vagina come Replens e Luvena possono essere utilizzati anche su una base più regolare per mantenere umida la vagina. Si può anche discutere con il medico di una terapia estrogenica vaginale.

Un farmaco orale una volta al giorno, Osphena , rende il tessuto vaginale spesso e meno fragile, con una conseguente diminuzione del dolore per le donne durante il sesso. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti avvisa che il prodotto Osphena può ispessire l’endometrio ( il rivestimento interno dell’utero) e aumentare il rischio di ictus e grumi di sangue. http://www.risparmioinsalute.it/salute-benessere/sesso-in-menopausa-leros-si-spegne-con-leta/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *